Emma Bonino in visita a Frosinone

Domenica 7 febbraio 2010 ore 11,00 Emma Bonino arriva tra telecamere e fotocamere nella sala congressi dell’Hotel Cesari di Frosinone gremita di gente. Fuori c’è un sole splendente.

Invitata dai Giovani Socialisti, la radicale Emma Bonino, candidata Presidente alla regione Lazio nella coalizione di centro sinistra che vede in alleanza PD, Radicali, Socialisti, Verdi, Italia dei Valori, viene accolta con una sequenza calorosa di calde strette di mano.

Aprono l’evento gli organizzatori socialisti che innanzitutto ringraziano la Bonino per “il regalo” che ha concesso a Frosinone. Parlano dell’ospedale di Frosinone, della crisi industriale, dell’Università come luogo di riunione maggiore, del diritto allo studio e di Lazioadisu, dell’evasione fiscale nel mercato selvaggio degli affitti agli studenti fuori-sede a Roma, le coppie di fatto, la proposta sul nucleare. Il punto focale su cui si centra l’attenzione è il turismo. Viene chiesto che il territorio sia visto in una logica di eco-sostenibilità proponendo l’enogastronomia locale e gli agriturismi.

La candidatura della Bonino viene definita come lo spartiacque storico della forza della passione, della ragione e del coraggio.

Iacovissi porge una rosa, una Red Noemi, come omaggio in cui si mostra tutta l’amicizia, fondata soprattutto sulla condivisione di idee nelle battaglie dei socialisti e radicali. Le viene poi offerto il simbolo della Ciociaria, ovvero “glie Cuncone”, una conchetta in rame.

Inizia il discorso con “Amiche ed amici”. Continua dicendo che per l’occasione userebbe una parola che usa spesso e che la considera propria, ovvero “Compagni e compagne” inteso nella sua etimologia come persone che condividono il pane, la speranza, la legalità, le idee e il sentimento della Res Publica.

La sala si anima in un applauso caldo. C’è emozione.

Emma Bonino dichiara che è la prima provincia che visita. Si complimenta per l’organizzazione.

Dichiara di sentirsi la “zia d’Italia”, a quasi 62 anni, come se avesse “già dato”.

Auspica che la Regione Lazio debba ritrovare il senso di sé, senza essere fagocitata da Roma. Il primo passo per raggiungere questo obiettivo è il lancio dei tesori di capitale umano. Lo scambio tra Roma e le provincie deve trovare la sua essenza nell’emancipazione secondo il programma di Lazio, grande regione d’Europa. La regione Lazio non può essere un Ente a servizio del sindaco di Roma, ma tutte le provincie devono essere rappresentate in Giunta. La promozione delle energie migliori chiama un onere di responsabilità. Bisogna liberare delle energie. Emma Bonino dichiara che è contenta che la campagna di organizzazione veda i giovani.

Si passa poi ad analizzare le scelte di campo e di sviluppo precise, come il rapporto tra formazione – impresa e università – lavoro, auspicando una sinergia delle varie situazioni.

Nell’ambito dello sviluppo c’è una scelta chiara con un deciso e sonoro NO AL NUCLEARE che richiama un altro applauso grandioso. Le motivazioni, sono che non ha senso, non è sostenibile e che sarebbe sono un duro investimento per il Governo. Uno studio dell’ENEA dimostra che un piano efficace delle risorse energetiche può essere elaborato. Si auspica l’arrivo di un’onda verde.

Sulla proposta frusinate al turismo, Emma Bonino risponde che esaminando i fattori della ricchezza artistica dei caratteristici paesi ciociari, il paesaggio, le terme di Fiuggi, il progetto dell’aeroporto possono confluire verso questa via. La Bonino indica che diventare europei vuol dire svecchiare i modelli produttivi, inventare nuovo lavoro imparando dagli altri paesi europei.

Si concentra poi sul potenziale femminile e sulla famiglia anagrafica sostenendo che gli affetti vengono organizzati come possono.

Il caro tema della laicità viene espresso dichiarando che essere laici non significa essere anti-religiosi.

La Bonino conclude sostenendo che si vince se ognuno di noi si sente candidato presidente egli stesso.

E sul caro tema radicale della legalità invita a non imbrattare i muri auspicando che nessun manifesto sia affisso in spazi illegali. Invita invece secondo modelli europei ad esporre sulla propria finestra di casa, o nella propria automobile il candidato che ciascuno ha scelto come proprio rappresentante.

In un’Europa con 450 milioni di abitanti sentirsi parte di questo grande mercato che è potenzialmente raggiungibile per avere un progetto futuro, insieme.

L’assemblea si scioglie con applausi e con grande armonia. La sala è piena e tutti sono entusiasti e grati. Emma Bonino concede interviste e  fotografie.

In merito a questo splendido incontro ravvicinato tra Roma e provincia di Frosinone, aggiungerei che l’emozione che ha donato il categorico No al nucleare va visto anche in un’ottica di tutela e salvaguardia dell’ambiente, poiché è tristemente noto che il nucleare è un sistema fortemente inquinante.

Spero vivamente che l’onda verde arrivi come arriva la primavera e che le coscienze si rendano conto dell’importanza del debito che abbiamo nei confronti della Natura.


3 risposte a "Emma Bonino in visita a Frosinone"

  1. spero tanto che il popolo “laziale” gli dia la possibilità di dimostrare il suo valore..
    la stimo infinitamente e me lo auguro di cuore…
    incrociamo le dita!!!!

  2. Ho grande stima di Emma.
    La sua candidatura alla presidenza della regione è stata una delle poche notizie che mi hanno – politicamente – rallegrato in questi ultimi tempi di così rare soddisfazioni.

    Dalla tua penna, da questo tuo puntuale resoconto della sua visita a Frosinone, apprendo che avevo visto bene a felicitarmi della sua candidatura.

    Forza Emma, allora.

    E forza a Voi ché vi mobilitiate in modo che tra le poche soddisfazioni che la sinistra potrà avere alle prossime regionale ci sia la Regione Lazio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.