La Democrazia in America di Alexis de Tocqueville

Contestualizzazione e struttura dell’opera

La Democrazia in America è pubblicata la prima volta a Parigi tra il 1835 e il 1840. L’autore Alexis de Tocqueville proviene dall’antica aristocrazia parigina, verso cui non resta mai del tutto immune da nostalgici sentimenti romantici.

Nel periodo della Restaurazione Tocqueville si avvicina comunque verso le circolanti idee democratiche e liberali. I fatti della Rivoluzione di Luglio e del successivo regime orleanista spingono Tocqueville e il suo amico Beamount ad intraprendere un viaggio di inchiesta negli Stati Uniti. Ottengono quindi  dal ministro di Giustizia, l’incarico di studiare il sistema penitenziario americano, in vista di una riforma di quello francese.

Sbarcati a New York il 10 maggio del 1831, mezzo secolo dopo la Guerra d’Indipendenza, i due amici iniziano la visita dei ventiquattro  Stati dell’Unione federale, che li  impegna per circa nove mesi.

La stesura dell’opera risultante dalle osservazioni  prevede una prima parte che consta di due libri e interessa  direttamente il sistema politico americano. Criticamente Tocqueville descrive e analizza l’origine di questo popolo e il loro conseguente sviluppo, soffermandosi sull’organizzazione istituzionale.

Il primo libro è concentrato infatti su un’iniziale descrizione del territorio americano e della sua storica colonizzazione, seguita da un accurato rapporto sulle istituzioni rappresentative e sui sistemi democratici previsti dalla Costituzione.

Nel secondo libro Tocqueville esamina le principali caratteristiche del popolo americano, soffermandosi sulle tendenze e sulle passioni che animano questa gente. Si descrive come il popolo partecipi alle libere e pubbliche istituzioni democratiche, mediante la stampa e l’associazione; come la maggioranza elettorale detenga poi l’effettivo controllo del paese, e come questa sia di idee fondamentalmente repubblicane. Ultimo tema affrontato dal filosofo nella prima parte dell’opera è l’importante considerazione sul destino delle tre razze che popolano in Nord America, ovvero: gli europei e in primo luogo gli inglesi  popolo colonizzatore; le tribù indigene tragicamente destinate al quasi totale sterminio e infine la razza africana sfruttata dagli schiavisti delle grandi piantagioni del Sud.

Nella seconda parte dell’opera Tocqueville si occupa di argomenti più teorici, che non riguardano soltanto il sistema politico americano, ma, le democrazie in genere. L’autore si propone infatti di delineare le caratteristiche essenziali delle società democratiche, non nascondendo, però, una sottile sfiducia verso un’effettiva realizzazione di un sistema fondato sulla libertà e l’uguaglianza. Vengono perciò affrontati svariati temi, che spaziano dalle attitudini generali di questo popolo, alla religione, all’arte, alla letteratura, alla scienza, alle naturali pratiche e alle propensioni verso la tecnica. Sono poi, di nuovo affrontati, ma dal punto di vista sociale, tematiche inerenti all’influenza delle istituzioni democratiche sui costumi e sui rapporti civili di questo popolo.

L’ampia panoramica presentata da Tocqueville offre, ancora oggi, numerosissimi spunti di riflessione su queste problematiche assurgendo ad un testo di indiscutibile valore filosofico e culturale.

Riserviamo in questa sede un futuro approfondimento sull’uguaglianza e il benessere materiali perseguito in America descritta nella suddetta opera.

Tratto da: Tesina redatta da Valentina Giannicchi per l’esame di Storia della Filosofia Moderna nel seminario Le testimonianze e riflessioni di Tocqueville in America del professore emerito Nicolao Merker, Facoltà di Filosofia della Sapienza, A.A. 2000/2001

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...