Reportage AltaRoma AltaModa 2012: Midnight in Rome e protesi mammarie su un vassoio d’argento per Giada Curti.

Giada Curti sceglie la cornice della splendida hall del Grand Hotel Saint Regis a Roma. I fotografi sono pronti. Sono in poltroncina accompagnata dalla mia amica Serena, fashion addicted. Sono le 18,00 e l’atmosfera è molto frizzante. Sulla destra è posizionata l’orchestra. Inizia la sfilata. Le luci aprono in fucsia.

“Alta moda costruita allo specchio. Autobiografica”. Così la stilista si rivela nella collezione primavera/estate 2012. La stilista intende raccontare un promenade allo scoccare della mezzanotte, da cui appunto, Midnight in Rome, in sintonia con l’ultimo celebre successo di Woody Allen ambientato nella Capitale francese.

Le magiche atmosfere della Dolce Vita incantano e seducono. La collezione è in total white nelle sue sfumature. Raffinate, eleganti, fiere, le mannequin sfilano mise realizzate in prezioso ottomano color avorio, con balze sovrapposte ornate di ricami, chiffon, plissè e organze.

Sono presenti la Senatrice Maria Rizzotti, l’Onorevole Isabella Rauti e la Prof. Valeria Mangani per il tema delle protesi mammarie.

“Infatti quello dell’abusivismo è un triste fenomeno, le donne devono essere sicure di rivolgersi a veri specialisti e non fidarsi di chi promette protesici, interventi estetici o di medicina estetica a basso costo” dichiara la Senatrice Rizzotti.

“Una problematica dalle mille sfaccettature, quella della chirurgia estetica, che Giada Curti porta oggi in passerella usando tagli e silhouette come fossero parole” è la dichiarazione dell’On. Rauti.

“Piuttosto che una chirurgia inutile con un rischio possibile, perchè non fare un salto in atelier dove un sapiente couturier saprà modellare le nostre forme per esaltarle al massimo?” conclude la Prof. Valeria Mangani, docente di Tecnologia dei tessuti presso l’Università Sapienza di Roma e vice-presidente di AltaRoma.

Personalmente preferisco la classica ed elegante coppa di champagne ma ritengo che la chirurgia, in alcuni casi risulta quasi necessaria. Ed è proprio in questi casi che necessita tutela sanitaria.

(Foto tratte da Stile)

Le protesi mammarie sono su un vassoio d’argento. “Sono vicina a tutte quelle donne che si sono sottoposte all’intervento di chirurgia estetica con il sogno di aumentare il volume del loro seno, trovandosi, oggi in pericolo di vita” dichiara la stilista. E aggiunge: “Anche la moda può rivelarsi un ausilio per abbellire il proprio corpo senza correre rischi”.

Balze morbide per una mezzanotte da sogno. Una donna onirica che si muove in un equilibrio dai sapori esotici, dai profumi di mistero e aurore di armonie.

Stoffa lucida per un effetto principesco. Ottimo per un red carpet innovativo.

Molto applaudito l’abito con il profondo spacco  in stile Jessica Rabbit, seducente e raffinato con il collo impreziosito da gemme.

Applauditissima e personalmente molto apprezzata la tutina in merletto in stile anni ’50 con morbida coda. “Il vagheggiamento epico ormai sparito è un desiderio ricorrente nell’animo umano. Di solito si preferisce contemplare nostalgicamente un passato romantico, invece che adattarsi alla convenzionalità del presente o affacciarsi al futuro con perplessità”. In questo abito vi è un presente pieno.

Ottimo mix tra le balze morbide e la lunga gonna di merletto, un azzardo sperimentale molto applaudito per una mezzanotte seducente e romantica.

Chiude una sirena di trasparenze. Coulotte di merletto e decorazioni per una mezzanotte davvero speciale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...