L’EGF, il corpo militare dell’Unione Europea.

DI SHARON BELLI

Oggi voglio raccontare la nascita dell’ EUROGENDFOR o EGF, il corpo militare dell’Unione Europea, voglio celebrare quest’istituzione.

Non temente , non state peccando di ignoranza se oggi é il primo giorno che ne sentite parlare, tutto “nella norma” .

Perché di disposizioni di legge parliamo, per quanto concerne l’Italia, esattamente della numero 3083-A,  entrata in vigore il  12/06/2010.

Ma andiamo per gradi e ricoscruiamo la storia.

Il 17 Settembre 2004 a Noordwijk, i Ministri della Difesa di Spagna,Francia, Portogallo,Olanda  e Italia firmano la dichiarazione di intenti con rispettivi allegati, relativa alla creazione di una Forza di Gendarmeria Europea, appunto l’EUROGENDFOR, il tutto in una banalisisma riunione informale.

Il 23 Gennaio 2006 viene stabilito che il quartier generale  si trova a Vicenza e diventa operativa.

Il tutto passsa assolutamente inosservato, la stampa tace e probabilmente noi eravamo intenti a seguire le vicende personali dei nostri politici per accorgerci che un altro passo verso lo smantellamento legittimo della sovranità popolare si stava compiendo.

Come passa inosservato il Trattato di Valsen del 18 ottobre 2007  che trasforma in legge  la dichiarazione di intenti.

Tre anni dopo, in Italia, esattamente il 14 maggio 2010 , alla Camera dei Deputati viene ratificato il Trattato di Valsen con 443 voti favorevoli ed un astenuto. Approva il Senato all’unanimità.  Il 12 giugno 2010, la legge di ratifica N.84  rende il Trattato di Valsen legge italiana.

Quanto detto ha dell’inquietante.Basta di fatto leggere il testo normativo e il Trattato  per giungere  facilmente ad alcune deduzioni:

In primo luogo, il coordinamento politico- militare é affidato esclusivamente  al CIMIN con sede a Vicenza, per l’esattezza un comitato interministeriale composto dai ministri degli esteri e della difesa degli stati membri che aderiscono alla Milizia, fornendo mezzi e uomini.

Ogni anno, rispettivamente, un ministro assume la presidenza di turno al CIMIN.

Il potere é affidato direttamente ai governi , nasce così il Corpo Militare dell’Europa,  sotto il dominio della Nato , perché non può’ considerarsi un caso che la sede del CIMIN sia Vicenza,nella caserma dei carabinieri “Chinotto” fin dal 2006, luogo in cui nel 2013 si  si affiancherà la seconda base statunitense al Dal Molin che è una sede dell’Africom, il comando americano per il quadrante mediterraneo-africano.

Come non considero un caso una struttura militare che ignora la sovranità nazionale degli stati, come hanno silenziosamente annientato la sovranità monetaria, consegnando gli stessi stati ai privati.

I metodi e le strutture vanno di pari passo, e la Gestapo del dominio Europa sugli stati nazionali, ne é l’ennesima conferma, perché di dominio stiamo parlando , non di democrazie.

 Colpita al cuore la democrazia, noi, evoluti occidentali, che la esportiamo nel mondo fingendo di aver compreso Aristotele “il presupposto della costituzione democratica è la libertà, tanto che si dice che solo con questa costituzione è possibile godere della libertà, che si afferma essere il fine di ogni democrazia. Una delle caratteristiche della libertà è che le stesse persone in parte siano comandate e in parte comandino.  […]Questi dunque sono i caratteri comuni a tutte le democrazie, e da quella che unanimemente si concorda essere la giustizia secondo i canoni democratici (cioè che tutti abbiano lo stesso secondo il numero) deriva quella che più di ogni altra sembra essere democrazia e governo di popolo. L’uguaglianza consiste nel fatto che non comandino più i poveri dei ricchi, che non siano sovrani i primi soltanto, ma tutti secondo rapporti numerici di uguaglianza. E questo sarebbe l’unico modo per ritenere realizzate l’uguaglianza e la libertà nella costituzione”.

La nostra Santa Europa delle banche di distruzione di masse, ora ha anche un esercito che ha inglobato le forze dell’ordine degli stati nazionali che non son più sovrani di nulla.Un trattato che invoca ossessivamente all’ordine pubblico (Capo II Art 4 Missione e Competenze), in un momento in cui la parola “pubblico” si svuota del suo significato.

Rispondiamo ad un sistema che misconosciamo e siamo palesemente in guerra.

Ridurre gli Stati ad una povertà estrema senza bombardarli fisicamente, cambia il metodo ma non il risultato.

Annunci

One thought on “L’EGF, il corpo militare dell’Unione Europea.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...