Giselda Volodi per Camillo Bona

giselda volodi - venezia - camillo bona  (1)

Testimonial d’eccezione per la nuova collezione primavera- estate 2013 di Camillo Bona, GISELDA VOLODIprotagonista del film “ E’ stato il figlio” di Daniele Ciprì, presentato al Festival di Venezia dove in occasione del red carpet indossa una creazione dello stilista.

Red carpet del film "The master" - - 69¡ Mostra del cinema di Ve

La collezione, che vanta circa 30 capi realizzati esclusivamente a mano, attraverso  le sofisticate tecniche dell’Alta Moda italiana, vuole rinnovare  la tradizione dell’Atelier e il suo impegno stilistico.

L’ispirazione è rivolta a una donna solare, entusiasta della vita, nel pieno della sua creatività e rinnovata da un tempo nuovo che spinge il suo sguardo oltre i canoni stabiliti dal mondo contemporaneo che vuole una donna perfetta e artefatta, puntando sul particolare, come carattere di riconoscibilità e di spiccata personalità.

E Giselda Volosi, atipica attrice nel panorama del cinema italiano, incarna per lo stilista questa femminilità fuori dal comune, porgendo la bellezza del suo sorriso, lo stile e la sua freschezza come condizione naturale oltre i condizionamenti.

Una ricerca continua e autentica quella di Camillo Bona, che fonde la coerenza dello stile a quella della maestria, per dare vita , ad una nuova  collezione di qualità eccelsa.

Il pretesto del tema stilistico, è raccontato attraverso l’immaginario della cultura al femminile del costume gitano che attraverso le coloratissime fogge esalta una realtà contraddittoria in cui il lusso diviene elemento di raffinatezza, di classe e preziosità.

Le forme guardano agli anni Venti, periodo in cui il guardaroba femminile si libera dalle costrizioni dell’epoca precedente, per conoscere il confort delle gambe scoperte e delle silhouette semplificate.

I tagli a vita bassissima caratterizzano gli abiti corti per il giorno, mentre la sera si anima al movimento “musicale” delle gonne lunghe lasciate in libertà.

Parola d’ordine è il colore, la vitalità delle nuance che vanno dal corallo all’arancio per poi stemperarsi nella delicatezza del sabbia e volteggiare nella luminosità del verde chiaro.

La scelta dei tessuti comprende leggere lane per la primavera e poi cotone e lino per la mattina estiv; l’organza e lo chiffon per la sera, e non mancano dettagli ricercati, come i ricami con bottoncini di stoffa e le applicazioni di fiori in trasparenza.

Gli accessori sono realizzati da Aniello Galderisi che intervenendo anche nelle acconciature crea un gioco di cascate libere di pietre preziose, in cui dai laterali della fascia  che avvolge il viso fa scendere, a caduta sulle spalle, fili di perle colorate e classiche, con l’intento di valorizzare il corpo nella sua completa accezione.


Una risposta a "Giselda Volodi per Camillo Bona"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.