L’Artemisia di Michela Amadei

di Valentina Giannicchi
_MG_0277web

“Nella lettura effettuata del dipinto più celebre di Artemisia, la Giuditta che decapita Oloferne degli Uffizi, Longhi scriveva:

« Chi penserebbe infatti che sopra un lenzuolo studiato di candori e ombre diacce degne d’un Vermeer a grandezza naturale, dovesse avvenire un macello così brutale ed efferato […] Ma – vien voglia di dire – ma questa è la donna terribile! Una donna ha dipinto tutto questo? »….. e io ho pensato che si una donna poteva dipingere quella violenza perchè chi più delle donne conosce il potere e il valore del sangue, una donna ferita peraltro come lo era stata lei, pittrice di enorme talento e dai colori forti ,decisi,intensi e coraggiosi quasi quanto lei ingannata stuprata e denigrata, riscattatasi solo grazie al suo talento. Ma al di là della lettura femminista che ne è seguita, volevo solo rendere omaggio alle sue luci e ai suoi colori non riproponendo in foto i suoi quadri, ma dando una mia visione di quello che poteva essere stato il “prima” e il “dopo” il suo quadro/condanna in cui praticamente giustizia il suo stupratore ovvero “Giuditta che decapita Oloferne” .

_MG_0304web

Immagini cariche di Pathos, che trattano un tema forte.

Artemisia che si ribella alla violenza subita con un gesto efferato. Che bagna le sue mani nel sangue quasi a lavare le colpe di un’intera umanità.

_MG_0263web

L’arte fotografica di Michela Amadei sconfina con l’immaginario pittorico. La luce filtra e modula i volumi secondo le migliori accezioni della rappresentazione grafica.

_MG_0232web

Un’espressione quasi confusa, incapace di comprendere come la realtà possa declinare in ambiti così primordiali.

Il contrasto tra i rossi del letto e il candore dell’azzurro e i bianchi del vestito si muove nella dialettica del contrasto proprio a far emergere quelle differenze che Artemisia incontra nella sua esistenza di artista e di donna violata.

Fotografa: Michela Amadei  Modella: Damiana Leone

 

Annunci

2 thoughts on “L’Artemisia di Michela Amadei

  1. Non avevo mai conosciuto prima d’ora Michela Amadei e te ne son grata. Anche perchè la Gentileschi mi affascina con il suo essere rovente nei gesti e nei colori, nelle scelte di vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...