Si è spenta Franca Sozzani, la Signora italiana della moda

Protagonista indiscussa della cultura artistica e della moda, a capo di “Vogue Italia” da 28 anni.

di Carla Fiorini
Una giornata triste quella del 22 dicembre 2016 per il mondo della moda, che vede andar via una delle sue protagoniste più amate e di maggior successo: Franca Sozzani. Nata a Mantova – di 66 anni – si è spenta a Milano, a causa di una malattia che da tempo stava combattendo. Signora indiscussa della moda, del buongusto e dell’eleganza, a capo di “Vogue Italia” da 28 anni.

12_francasozzani-w190-h190-2x

Un vita carica di soddisfazioni e grandi successi, difficile da raccontare nello spazio di un articolo come questo. Di famiglia borghese; maturità classica; si laurea in filologia romanza, poi si sposa e si separa prestissimo. A 25 anni capisce che la strada che vuole seguire è quella della moda. Ricorderà successivamente dei primi lavori con Oliviero Toscani, quando era una “puntaspilli vestita in Saint Laurent”. I primi passi li muove a partire da Vogue Bambino, poi alla direzione di Lei, combinata – qualche anno più tardi – con una versione della rivista al maschile. Infine approda a Vogue Italia nel 1988, per divenirne quindi direttrice.

Immagine.png

Ed è proprio il ricordo del giornale a farsi carico di commozione: una foto, il solo nome Franca ed un cuore accanto. Senza nessuna altra parola, senza altri orpelli: sotto la lente di ingrandimento soltanto l’essenziale. A darne l’annuncio è stato Jonathan Newhouse, Chairman e Chief Executive della Condé Nast, lo stesso che in passato minacciò di licenziarla perché le sue «impertinenze» (e si trattava soprattutto di foto e messaggi) erano ritenute troppo forti agli occhi di alcuni pubblicitari perbenisti. Oggi Newhouse definisce la notizia come “la più triste che abbia mai dovuto comunicare“, specificando che la scomparsa della giornalista è di sicuro “una perdita incalcolabile per il mondo della moda”.

E non solo della moda, potremmo aggiungere. Certo, perché il suo giornale non era soltamente moda, ma anche arte, attualità, fotografia e cinema. Una commistione delle arti che ha da sempre regalato al lettore una ampia chiave di interpretazione della società moderna, sotto diversi e variegati punti di vista. Una combinazione di interessi che scorporavano e svisceravano la parola moda in ognuna delle sue sfaccettature. Una mistura che conduceva ad una diversa fruizione della cultura artistica.

La commistione che aveva fissato l’ancora nel porto delle grandi firme, ma che navigava a vista nel mare magnum degli artisti emergenti, alla ricerca di quelli da far salpare alla volta dell’isola delle celebrità della moda. Perché lei la consapevolezza che i talenti andavano cercati ed aiutati ce l’aveva, e portava avanti i progetti di talent scout con infaticabile efficacia (Who’s on Next? ad esempio presentato nella durante AltaRoma). Un intuito così fruttuoso da poter annoverare nomi come Gianni Versace, Giorgio Armani, Bruce Weber o Peter Lindbergh…e molti altri.

Indimenticabili molti dei servizi e delle campagne di Vogue durante la sua direzione: Black Issue (dedicato alle modelle di colore, campagna contro il razzismo), Plastic Surgery Issue (dedicato alla chirurgia estetica), o ancora quello con le modelle immerse nel petrolio (per una sensibilizzazione ambientale). I temi sociali che negli anni si sono visti sulle pagine patinate della rivista sono stati molti: la campagna per le modelle curvy (quando ancora non se ne parlava così tanto come adesso), oppure quella contro le violenza sulle donne e contro la violenza domestica. Non è un caso che nel 2014 Franca Sozzani sia stata anche nominata ambasciatrice Onu per il programma alimentare.

Una donna di grande raffinatezza e acume, al servizio della moda e dei temi sociali con una grinta e una determinazione mai affievolite durante la sua carriera. È nel film-documentario intitolato “Franca. Chaos and Creation” – presentato all’ultimo Festival di Venezia da Francesco Carrozzini, figlio della Signora della moda – che possono cogliersi i lati più profondi e le caratteristiche più nascoste della personalità di una grande come Franca Sozzani, emblema fra gli emblemi.

Immagini da web
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...