Altaroma 2017: Greta Boldini, come falene

Altaroma 2017 prende il via con la sfilata dell’atelier emergente Greta Boldini. Ormai da anni lo scenario di Altaroma tende sempre di più a promuovere e portare avanti stilisti emrgenti e case di produzioni di talento ancora poco note al grande pubblico.

La nuova collezione di Greta Boldini – finalista Who in on Next 2013 – realizzata dallo stilista Alexander Flagella, dà vita ad una “donna falena” con riferimenti alla storia dell’arte – da Van Eyck a Grosz.

Prevalgono gonne plissettati, abiti destinati alle caviglie: come si trattasse di un nostalgico dialogo tra abito e figura stessa. La sensualità diventa raffinata, mai volgare. Gli anni’40 ritornano a gran voce nella silhouette di tutta la collezione soprattutto nella costruzione dei capospalla, rubato a gran voce dal guardaroba maschile. Talvolta la spalla è scesa ed è resa volutamente eccessiva – convivendo su tele antipioggia o panni di lana bouclè fino a toccare territori di cachemire purissimi. Must-have: la giacca Barbour, un calssico sapientemente trasformato. Nei tessuti fanno capolino viscose; sete che osservano i tulle ricamati; le crepe de chine di seta pura, pizzo, chiffon; infine l’incontro tra le organze jacquard fil coupè. Un ricamo sperimentale che si fa caratterizzante anche questa volta: bellezza di vetri neri e cristalli trasparenti, il ricordo dei lampadari anni’40 è immediato.

Il respiro diviene evidente però alla comparsa della pelliccia come visone, volpe e mongolia che, se unite al mohair di pelliccia o alle spugne misto lana – cotone riescono a far sobbalzare i cuori più puri. Istintiva e feroce la palette colori, che diviene calda e drammatica allo stesso tempo grazie alla presenza di antracite, tangerine, chianti ed ancora muschio, phard, glicine che strizzano l’occhio sui petroli ed i grigi fino ai rosa più violenti. Gli accessori siglano due importanti collaborazioni alternandosi tra i gioielli forti e determinati del brand Iosselliani e le borse strutturate di Cecchi De Rossi, in un connubio perfetto e perpetuo che attraversa tutta la collezione.

Credits foto: Greta Boldini -ph- S. Dragone – G. Palma _ Luca Sorrentino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...