Su di Noi – Storia del Blog

L’Archilady Menabò nasce nel 2008 per volontà di Valentina Giannicchi, con l’intento di creare un blog che raccontasse innanzitutto moda con un occhio sempre fisso a temi quali arte, architettura e ingegneria. Si mescolano nel blog infatti tutti questi elementi che danno vita a un’esplosione eclettica di interessi.

L’archilady Menabò oggi si rinnova e passa alla responsabilità di Carla Fiorini – aspirante critica, blogger indipendente, freelance writer, amante delle nuove tecnologie e degli strumenti di comunicazione.  Alla scoperta della “disciplina” delle arti e della moda, con l’esigenza di essere flessibile, di dover incuriosire e di poter appassionare.

Sogno un’arte di equilibrio, di purezza, di tranquillità, senza soggetti inquietanti e preoccupanti. Un’arte che sia, per l’affarista come per il letterato, un lenitivo, un calmante cerebrale, qualcosa di analogo a una buona poltrona. H.MATISSE

Era la prima settimana di maggio dell’anno 2012, a pochi giorni dalla discussione della mia tesi, sofferta e pianta. Oltretutto iniziavo un nuovissimo corso, una scuola di alta formazione per cui avevo passato anche la selezione. Eppure, non ne avevo assolutamente voglia. Scontrosa ed introversa più del solito ascoltavo le presentazioni dei miei nuovi colleghi. Fra tutti spiccò lei: Valentina. Era giunta con qualche minuto di ritardo e la cosa mi piacque. Nei giorni a venire non sarei stata l’ultima ad arrivare, non mi piacciono le persone troppo precise. Fu subito chimica. Pausa ed iniziammo a parlare. Ricordo ancora adesso che a fine lezione venne a riprendermi mia sorella e alla domanda “cosa ti hanno spiegato al corso? hai imparato qualcosa di nuovo?” io risposi “ho conosciuto una ragazza sorpendente, piena di cultura e lauree. Penso che sarà un’ottima compagna di corso”. Ribatté mia sorella “sono contenta, le ore di lezione ti risulteranno meno noiose, però quali argomenti avete trattato?”. Come mio solito glissai la domanda. Ricordo però con tenerezza che le persone a me più vicine, in quei giorni di stress pre-discussione – giorni in cui ero assolutamente intrattabile – mi dissero “ti ha fatto bene andare al corso, ti vediamo più rilassata”. Avevano ragione, nasceva una nuova amicizia: io e Vale!

Valentina ed Io
Valentina ed Io

Da quel momento la nostra amicizia è diventata sempre più intensa. Una sinergia fatta di amicizia e passioni condivise. La prima fra tutte: l’arte. Ho avuto infatti il grande piacere di poter curare alcune delle mostre di Valentina, in diverse occasioni. Ricordo ancora le belle chiacchierate intorno alla pittura, i nostri spostamenti e le nostre risate. Da sempre Valentina mostrava una luce diversa, sempre in cerca di qualcosa di nuovo e di un amore universale – così come scrive nel suo libro “Amico Amore”. Oggi quella luce Valentina la raggiunge entrando in monastero e abbracciando la sua forte e viva vocazione religiosa.

Con queste poche parole voglio raccontare a voi lettori del blog la nostra amicizia e la grandezza di una persona come Valentina Giannicchi.

SU VALENTINA GIANNICCHI: Nata il 21 Febbraio 1981 a Frosinone. Autrice del romanzo Amico amore edito da La Caravella Editrice nel dicembre 2013. Diplomata al Liceo Scientifico sperimentale indirizzo scientifico Brocca del “Francesco Severi” di Frosinone. A 15 anni  inizia il duplice percorso tra pittura e poesia con conseguenti mostre e premi letterari. Collabora per otto anni con la Casa Editrice Pagine e nel 2006 scrive l’Operetta della Cinciallegra (opera poetica in tre atti e dodici scene la cui versione integrale è ancora inedita). Antipasto con Laurea in Filosofia e discipline artistico-letterarie e tesi in Estetica con il Prof. Giuseppe Di Giacomo, conseguita con Lode presso La Sapienza nel 2002. Decide poi di passare dalla teoria alla pratica e, per teorie e pratiche poco teoriche e inconsapevolmente tecniche (non c’è pratica senza teoria), nel 2005 vola a conseguire la Laurea in Disegno Industriale presso la Facoltà di Architettura “L.Quaroni” della Sapienza con tesi in Disegno Automatico applicato alla Scenografia con l’Arch. Graziano Mario Valenti. Nel 2005 è eletta Rappresentante degli Studenti al Consiglio di Facoltà di Architettura “L.Quaroni” della Sapienza con la lista “Sapienza in Movimento”, restando in carica fino al 2009. Nel settembre del 2005 inizio uno stage al Teatro Eliseo di Roma per lo spettacolo “Improvvisamente l’estate scorsa” di Tenessee Williams per la regia di Giuseppe Patroni Griffi e scenografia di Aldo Terlizzi. Recitano Laura Marinoni e Rossella Falk. Nel 2006 cura la regia, la sceneggiatura  e i costumi per lo spettacolo sperimentale in versi “Cinciallegra Big Bang” tratto dall’Operetta della Cinciallegra presentato all’Estate Romana alla Sapienza con la partecipazione dell’associazione culturale “Cultura e Movimento” (lo spettacolo sarà ripetuto nel 2008 presso il comune di Ceprano con l’associazione culturale “Cantiere23” di cui è direttrice artistica e fondatrice). Nel 2007 è responsabile e ideatrice del progetto “Sapienza di Primavera” presso la Facoltà di Architettura “L.Quaroni” nella sede di Fontanella Borghese dove vengono organizzate due tavole rotonde sul tema “Che  significa fare arte oggi?“. Partecipano alle conferenze: il Prof. Giuseppe Di Giacomo, la Prof.ssa Simonetta Lux, la Prof.ssa Antonella Greco, l’Arch. Gianni Accasto, l’Arch. Lucio Altarelli, il Prof. Flavio De Bernadinis, il Prof. Massimo Canevacci, la Prof.ssa Alessandra Muntoni, l’Arch. Antonino Terranova, l’Arch. Michela Merone. A seguire un work-shop di elaborazione creativa e una rassegna cinematografica. Ancora nel 2007 scrive la sceneggiatura e dirige il corto narrativo “L’essenziale” ispirato al piccolo principe di Antoine de Saint-Exupery in collaborazione con l’associazione “Cultura e Movimento” e visibile su Youtube. A dicembre 2007 cura la scenografia digitale dello spettacolo “Nel mezzo del cammin di nostra vita” per la regia di Vladimiro Russo con la collaborazione di Cantiere23 presso il comune di Ceprano. Scrive tra il 2007 e il 2008 i primi articoli per il giornale interuniversitario UniromaNetwork. In giugno 2008 svolge uno stage con l’architetto, artista e scenografo Fabrizio Crisafulli su un tema di allestimento urbano scenografico applicato alla biblioteca di Scandicci in provincia di Firenze. Nell’ottobre 2008 in qualità di Rappresentante degli Studenti del Consiglio di Facoltà di Architettura “Quaroni” promuove con  “Quaroni in Movimento”    il Gruppo di Protesta Artistica che ha l’obiettivo di manifestare il proprio dissenso per i tagli della Riforma Gelmini tramite performance e flash mob. Nel 2009 consegue la Laurea Magistrale in Progettazione delle Scenografie, degli Allestimenti e delle Architetture d’Interno presso la Facoltà di Architettura “L.Quaroni” della Sapienza con terza tesi in Storia dell’Architettura con la Prof.ssa Antonella Greco sul tema “Luce e Architettura in tre edifici dell’E42″ disponibile presso l’Archivio Centrale di Stato di Roma. Nel 2010 con la collaborazione di Cantiere23 cura la regia, la scenografia e interpreta il ruolo maschile di Ottaviano Cesare in “Antonio e Cleopatra” di William Shakespeare . Lo spettacolo è presentato in maggio presso l’Annunziata di Ceprano e la Casa della Cultura di Frosinone. In giugno l’Archilady Menabò è inserito nell’istallazione Atlante di Roma a cura di Paolo Valente con Salvatore Iaconesi – Oriana Persico, Giuseppe Stampone, nella Festa dell’Architettura di Roma. Nei mesi di giugno e luglio è scenografa per il gruppo Fandango di Samarcanda nel villaggio turistico Baia Ostina a Castelsardo in Sardegna. Nel settembre 2010 inizia la collaborazione con il portale di informazione on-line Voce Libera per i settori Architettura, Arte, Design e Moda, in particolare approfondendo i temi di bioarchitettura, abusi edilizi e tutela del paesaggio. Per Voce Libera intervista la pittrice Eva Fischer, la critica d’arte e architettura Antonella Greco, il musicista – prima tromba della Banda dell’Esercito e componente della Spira Mirabilis – Marco Toro, il pittore Franco Hüller. L’ArchiLady Menabò è inserito nella Top Blog di Wikio per le classifiche Architettura, urbanistica e paesaggio e per Cultura. Nel dicembre 2010 inizia la collaborazione con il Periodico Nazionale di Informazione Prismanews per la sezione Moda&Modi, in particolare scrive su Pepe Jeans London, Cerruti, Tommy Hilfiger, Gucci. Inoltre è reporter alla Kermesse invernale di AltaRomaAltaModa 2011 intervistando gli stilisti Camillo Bona e Ilaria Venturini Fendi. Dopo aver ricevuto – durante la carriera universitaria – gli epiteti di “visionaria, Fuksas, Philippe Starck, Naif e Avanguardia Futurista”  nel marzo 2011 diventa Architetto Junior con la benedizione della Sapientissima da cui,  in sede di Esame (con un progetto di un allestimento per una mostra di scultura presso gli edifici del Mattatoio di Roma) riceve il giudizio di Futurismo Barocco. A giugno 2011 con lo studio Archetipo di Frosinone è nel coordinamento del Convegno_Mostra “Il Castello di Arnara. Esempio di Architettura fortificata tra storia, attualità urbanistica e territorio”, realizzato in collaborazione con i docenti  della Facoltà di Architettura e di Scienze Umanistiche della Sapienza il cui comunicato stampa è visbile sul sito dell’Istituto Italiano dei Castelli. A luglio 2011 con Igor Traboni, direttore di Dimmidipiù, modera il Convegno Il valore della Conoscenza oltre la Ricerca con ospiti  il Rettore dell’Università di Cassino Ciro Attaianese e l’astrofisico Gianluca Masi, organizzato dalla Fondazione Alessadro Kambo con Presidente Daniela Bianchi. Le sue domande vertono sulla teoria della relatività di Einstein, sulla gnoseologia di Socrate, sulla bioetica e sulla ricerca scientifica. A luglio 2011 è vicepresidente di Giuria Tecnica al Concorso di bellezza Miss e Mister Pallamano F.Calise di Gaeta con presidente Luca Ricci, sarà membro della Giuria nel 2012. Ad agosto 2011 è direttrice artistica con Luca Ricci  e presidente di giuria critica della Prima Edizione del Festival Fregellae per Nuovi Talenti  a Ceprano dove vince il cantante Manuel Moscati con l’interpretazione di “E penso a te” di Lucio Battisti. A fine settembre è iscritta all’Ordine degli Architetti di Frosinone. A giugno 2012 mette in scena a Ceprano il “Dioniso Ingegnere” di cui cura il testo, la regia e l’interpretazione dell’ingegner Mileno. Ad agosto 2012 crea l’ArchiLady Style costola dell’Archilady Menabò e poi cura la Prima Edizione di Miss e Mister Fregellae con la preziosa collaborazione di Luca Ricci. In giuria Eleonora Cadeddu di “Un medico in famiglia” e la stilista Claudia Danna. In giugno 2013 si diploma presso la Scuola di Alta Formazione SQS Scuola di Qualità Sociale nell’indirizzo di studi Territorio e Paesaggio della Fondazione Kambo di Frosinone.

Continua a dipingere e ad esporre presso collettive e personali (presso il Museo dell’Energia di Ripi, presso il Castello dei Conti “De Ceccano”, presso il Castello Caetani di Fondi). Pubblica con La Caravella il romanzo “Amico Amore”.

Valentina in autunno 2014 è entrata in monastero abbracciando completamente la sua fede e vocazione religiosa.

 MEMORIE, PRIMI DUE ARTICOLI:

Primo articolo di Valentina Giannicchi Anno 2007
Secondo Articolo di Valentina Giannicchi Anno 2008

12 thoughts on “Su di Noi – Storia del Blog

  1. Complimenti per il Flash Mob a Piazza di Spagna, una “protesta” geniale e allo stesso tempo discreta, che si distingue da tutto quello che si sta sentendo in questi giorni. Spero di poter un giorno partecipare anche’io ad un movimento simile.

  2. Ciao Valentina,
    mi colpisce la tua personalità e mi chiedo se già lavori e se ti interesserebbe un lavoro: ho bisogno di un architetto però poco convenzionale. Potresti essere tu?

  3. ”La migliore definizione che mi è stata attribuita con non poco gaudio: un cocktail esplosivo di bellezza e intelligenza.”
    Magistral.!!!

  4. ciao Vale…ed il sole offusco’ la tempesta magma incandescente scendono gli angeli dalle piante del destino vortici inconsapevoli voci notturne nessun memore lascia l’impronta del desio offuscata da penombre plumbee

  5. Onorato di averti tra i followers de lurlodimunch.
    Ho visitato il tuo blog, che da oggi seguirò, e ti faccio i miei complimenti per la qualità e l’eleganza delle tue pagine.
    Come me hai scelto i caratteri Garamond, come me ti interessi di poesia, d’arte, di storia del Risorgimento… ottime ragioni per seguire il tuo blog.
    Conosco ed amo la Ciociaria, ho vissuto ad Anagni per due anni, forse i più belli della mia vita.
    Un cordiale saluto.

    Federico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...